martedì 20 novembre 2007

Alcuni aspetti positivi della Dieta Vegan nei Bimbi


Mi sono resa conto di aver parlato nel precedente blog solo in modo negativo e non mi sembra giusto... La dieta quasi Vegan di mio figlio si è rivelata molto positiva sotto molti aspetti. Per esempio con le coliche intestinali: Tommaso non ha mai sofferto di coliche, l'unica eccezione è stata quando ho dovuto prendere un antibiotico (Augmentin) per via orale a causa di una mastite durante il primo mese di allattamento. L'antibiotico ovviamente passava nel latte e dava noia al piccolo intestino di Tommaso! Una volta sospeso il medicinale, tutto è tornato nella norma. Anche l'assunzione di latte di vacca e derivati da parte della madre durante l'allattamento può dare coliche intestinali.
Felicità. Tommaso è un bimbo che 'stranamente' non piange mai... Mi sento dire spesso da tante mamme "Ma non piange mai 'sto bambino?" Anche quando era appena nato non si è mai lamentato se non per fame... Penso sia solo segno di benessere generale.
La notte ha sempre dormito di filato, ma questo non è proprio merito della dieta vegan quanto del metodo di Estivill Eduard e De Béjar Silvia, spiegato nel libro "Fate la nanna" (acquistabile qui.)
E' stato indispensabile per me e Simone, due ghiri con nessuna voglia di stare svegli la notte... Il segreto sta nell'insegnare al bimbo ad addormentarsi da solo, prima di tutto per se stesso: stare svegli di notte fa venire il malditesta a noi ma fa ancor più male a loro, il sonno è molto importante. Dato che a sei mesi la poppata notturna non è più necessaria ho iniziato col metodo e Tommaso non ha mai saltato una notte. Io non so come fanno certi genitori a scegliarsi 5 volte per notte, io il bimbo lo avrei già strangolato!
Diarrea: Tommaso non ha mai avuto diarrea, ha sempre fatto delle cacche bellissime :) e questo penso sia dovuto al fatto che non ha mai consumato latte di vacca. Cacca dura: Mai avuto cacca dura o difficoltà ad evacuare, grazie probabilmente alla fibra contenuta nei succulenti pranzetti che gli preparo! :)
Quindi insomma un angelo! Non vedo l'ora di farne un altro!

15 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao, sono di nuovo Isa!
Scusa se riscrivo, ma l'argomento mi sta molto a cuore quindi vorrei anche io lasciare un commento positivo!
Un bel libro "Figli vegetariani" del Dott. Proietti Ed. Sonda, aiuta i genitori che scelgono una dieta vegan o vegetariana per i loro figli.
E a me ha dato tanta forza anche il sito della Società Scientifica Nutrizione Vegetariana (SSNV), che è ricco di informazioni e materiale scientifico, per pianificare bene la dieta, ma anche per difendersi correttamente quando siamo accusati di non nutrire come si deve i nostri bambini (e si può porre direttamente le domande agli esperti sul sito).
Secondo me Tippi, presto riuscirai a togliergli il pesce, piuttosto qualche formaggio magro ogni tanto, magari di capra, se lo trovi sicuramente bio, non pone troppi problemi etici!
Ciao
isa e nicolò

Anonimo ha detto...

Ciao,
mi chiamo Flavia e anche io ho un bimbo di 20 mesi. Noi siamo vegetariani e finora non abbiamo avuto nessun problema.
Anch'io ho acquistato il libro "Figli vegetariani" che ti ha raccomandato Isa e l'ho trovato davvero interessante e completo... Anche se nel titolo si parla di "vegetariani", ci sono molte informazioni anche per chi sceglie una dieta vegan. Come linea generale l'autore sconsiglia comunque a tutti di eccedere nel consumo di prodotti di origine animale (latte e uova).
Complimenti per il tuo blog e soprattutto per il tuo meraviglioso bimbo!
Ciao :-)

tippitappi ha detto...

Isa: grazie per il suggerimento, tra l'altro ce l'ho quel libro, farò un post solo sul libro molto presto e per il pesce hai ragione, magari il prossimo anno cambierò ancora qualcosina! :) (vedi anche sotto)
Flavia: grazie del commento, è bello sapere di non essere affatto soli!
Isa e Flavia: Sarebbe bello poter pubblicare le foto dei vostri bimbi veg*! Mi piacerebbe scrivere un post su di voi, magari vi faccio una piccola intervista, che ne dite?

isa e nicolò ha detto...

Volentieri!
Sopratutto sarebbe bello confrontarsi con più mamme possibile per confrontare i problemi e sopratutto i risultati positivi!
Tommaso oggi è stato ancora pestifero?
Nicolò oggi è un mammone insopportabile, di giorno non vuole mai dormire...
Ah! Non ti avevo ancora fatto i complimenti per il blog!
ciao

Flavia ha detto...

Certo, non c'e' problema.
Come posso mandarti la mia mail privatamente?
Beate voi che avete trascorso tutto il giorno con i vostri bimbi... Io lavoro (quasi) full-time e di giorno lo tiene mia mamma... per fortuna che tra poco inizia il week-end!
Ora scappo perche' tra poco arriva Antonio!
A presto :-)

tippitappi ha detto...

Mandatemi una mail vuota al mio indirizzo che trovate nella pagina del mio PROFILO sotto la mia foto nella colonna di destra dei link. Vi contatterò facendovi due tre domande e se avete una foto anche piccola ancora meglio! :)
Eh si sarebbe bello incontrarsi e scambiarci consigli ed esperienze di persona! Chissà, un giorno...

tippitappi ha detto...

io lavoro quando il bimbo è all'asilo, delle volte di sera quando dorme ma sono contenta di poter stare con lui almeno al pomeriggio!
PS: oggi è stato un po' più bravo, forse lascio il post! :)

Antaress ha detto...

Non c'entra molto col tema del post...ma devo dirtelo: il tuo piccolino è bello da mangiare di baci ;)

Anonimo ha detto...

Ciao!
Credo che ognuno adotti un suo metodo o quello suggerito da qualcun altro.
Ho letto Estivill,giusto per curiosità,e lo trovo davvero tremendo.
Sia fate la nanna,sia altri metodi adotatti da lui.
Pero' è la mia opinione!;-)

Anonimo ha detto...

Non posso credere che una mamma informata come te abbia adottato il metodo Estivill.E' vero che il sonno e' importante per tutti,ma i bambini hanno una modalita' diversa di dormire,almeno fino ai tre anni.Estivill e' una vera tortura.Sono mamma di due figli,ho letto il libro e non capisco come certi genitori si facciano abbindolare da uno pseudo metodo scientifico.Ci sono altri libri interessanti in giro (Sears,Gonzales,Honneger Fresco,Letardi) che aiutano molto di piu'.
ciao
Daniela

tippitappi ha detto...

ciao daniela, sicuramente andrò a leggere gli altri autori che mi consigli, il metodo estivill per me ha funzionato senza sofferenza da parte del piccolo perchè forse è un gran dormiglione non so... e non ha dovuto piangere per più di pochi minuti per due o tre giorni, insomma io non ci vedo niente di crudele ma forse non è così per tutti!
grazie dei consigli comunque!

Anonimo ha detto...

cioè tu parli tanto di natura e poi usi per far dormire tuo figlio un metodo che più contronatura non esiste?
sei ben strana tu eh?

Nanà ha detto...

mha io sono vegan ma mia figlia ce l ha lo stesso le colichette...(ha 2mesi)

Anonimo ha detto...

Posso esprimere una mia riflessione spassionata? (premetto che non sono vegetariana, quindi la mia è una riflessione puramente personale. Massimo rispetto per le tue scelte di alimentazione e di vita, ma non pensi sia ingiusto indirizzare fin d'ora il tuo bimbo a questo tipo di alimentazione? Penso che queste siano scelte che potrà fare da adulto, se lo vorrà, ma così non è un'imposizione? Anna B.

Anonimo ha detto...

Sono rimasta stupefatta anch'io nel leggere che una mamma tanto informata, o presunta tale, abbia usato i metodi nazisti di estivill. vorrei inoltre sapere quale fondamento scientifico ha l'affermazione 'dato che a 6 mesi la poppata notturna non è più necessaria'...i bambini non sono numeri.
tra l'altro magari se avessi continuato a dare il latte al tuo bimbo anche di notte, quando si forma più prolattina, avresti avuto latte fino ai suoi 2 o 3 anni e non solo fino a uno, evitando di usare quei latti di proseguimento che, per quanto non vaccini, chissà quali schifezze hanno dentro!
in ogni caso non sono per niente convinta che l'alimentazione vegan sia alla base del non piangere o del non avere coliche, o le altre cose che affermi.
per inciso, ho 2 figli, non ho mai preso un antibiotico in vita mia (e di mastiti con la seconda ne ho avute almeno 4 o 5, con febbre a 40 ogni volta), non bevo latte vaccino nè lo bevono i miei figli, seguo un'alimentazione supernaturale, li ho allattati fino a 2 e 3 anni...insomma, sono più 'talebana' di te, probabilmente.
ma penso che, e forse è una cosa che capisci veramente solo quando hai più di un bambino e vedi che i figli sono tanto diversi da loro a prescindere da te, tante cose che noi attribuiamo a questa o a quell'altra nostra scelta, tanti meriti o colpe che ci diamo, in realtà sono frutto del carattere o della predisposizione del bimbo, e basta. il mio primo figlio si è svegliato 8-9 volte per notte fino ai 2 anni, e ha preso il latte ogni 2 ore fino all'anno. la seconda figlia, e io ero sicuramente più stanca e più nervosa rispetto alla prima gravidanza, per cui il motivo non è una maggiore rilassatezza col secondo figlio, ha dormito 10 ore di fila dalla prima notte di vita, prendendo il latte solo 4 volte al giorno fin dalla nascita. evidentemente il primo aveva più bisogno del contatto e di un diverso tipo di nutrimento...non per niente l'unica sera che ho provato il metodo estivill ha pianto per 3 ore e mezzo...poi per fortuna ho letto besame mucho, di gonzales, e ho aperto gli occhi.
uno ha avuto tante coliche, l'altra per niente, eppure la mia alimentazione era la stessa. una ha avuto tanti problemi con la dentizione, l'altro per niente, eppure la collanina d'ambra l'aveva quella che per ogni dente aveva la febbre a 38 per un mese...
sarebbe bello che un'alimentazione vegan risolvesse tutti i problemi e regalasse la serenità totale a un bambino tanto da non farlo mai piangere...ma mi sembra che la serenità non derivi da quello. magari una miglior salute sì, ecco.

Related Posts with Thumbnails