sabato 12 maggio 2007

Il mio primo Seitan fatto in casa



Oggi ho sperimentato il seitan fatto in casa seguendo la ricetta n° 1 di Vera, dal blog Semplimente Vera... ed il risultato è stato ottimo! E' incredibile quanto sia facile produrre in casa questo magico alimento, forse il re della cucina vegan. Vi spiego come ho fatto:

1 Kg. di farina integrale
(ma molto meglio usare anche la 2, la 0 oppure la 00, per evitare che rimanga la crusca)
un cucchiaio di sale
acqua

Il Seitan non è altro che la parte proteica del grano, il glutine. E' ciò che rimane dopo aver "sciacquato" via l'amido.

Impastate come per fare il pane e fate una pallotta che terrete in frigo per un'ora.



Preparate 2 bacinelle o 2 pentoloni pieni di acqua, uno calda e uno fredda.
Prendete la pallotta dal frigo e iniziate a lavorarla e a impastarla sott'acqua prima nella fredda poi nella calda ed infine nella fredda.



Il tutto fino a quando il volume non si sarà ridotto di due terzi, 5-8 minuti circa.



A questo punto bisogna cuocere il seitan in un brodo vegetale di vostra scelta, io l'ho fatto con acqua, salsa di soja, rosmarino e alloro, per circa 40 minuti o 20 minuti in pentola a pressione.
Non gli ho dato una forma particolare, tipo salsicciotto da tagliare a fette ... ma sono riuscita a tagliarlo bene lo stesso anche cuocendolo a cotolettone!



Mi sono dimenticata di fotografarlo com'è quando è cotto, comunque lasciatelo raffreddare poi cucinatelo come più vi piace, io ho fatto un soffritto di porro, poi ci ho saltato velocemente il seitan a fettine con un goccio della sua acquetta di cottura e ho insaporito con salsa di soja e aceto balsamico, buonissimo e facilissimo, giuro!

20 commenti:

Vera ha detto...

Incredibile come sia facile, vero? :)
Comunque si può anche evitare di alternare acqua calda e fredda.

Complimenti per la precisione con ui hai fotografato tutto, io non ho mai trovato qualcuno che mi aiutasse nell'impresa... :(

tippitappi ha detto...

grazie vera, ma non sono io a fotografare! ho la fortuna di avere un fotografo in casa! Non è merito mio... :)

Tommaso ha detto...

cosa c'è di facile ? Io ho provato ed è venuto fuori un disastro, due ore per arrivare ad una pentola piena di roba calda da buttare nel lavello. Io avrei piacere che le descrizioni delle ricette fossero un attimino più minuziose.
scusate sono un pò incavolato.

tippitappi ha detto...

ciao Tommaso, mi dispiace molto ma non darti per vinto. I motivi potrebbero essere due:
Non hai lasciato riposare abbastanza la pagnotta e il glutine non ha fatto in tempo a combinarsi.
Oppure l'acqua calda era troppo calda.
Quando immergi la pagnotta in acqua devi lavorarla ma senza che si divida in mille pezzettini, se accade rimettili insieme come puoi e usa solo acqua fredda, al massimo tiepida.
Dai coraggio, a volte può essere anche il tipo di farina.
Riprova e fammi sapere, un bacione, Jenni

Tommaso Agostini ha detto...

grazie per l'incoraggiamento . un cuoco mi ha suggerito di usare farina manitoba perchè si forma meglio il glutine, lui ha detto che non importa neanche aspettare. penso che il problema sia proprio quello del glutine ed a seconda della farina si può anche non aspettare.
ormai è una questione di orgoglio,devo riuscire a fare questo home made seitan ! intanto ho preso la manitoba e riprovo con quella, vi tengo aggiornati !

Nicola ha detto...

Oggi proverò anche io a fare il mio primo seitan. Speriamo bene

Anonimo ha detto...

provate a cuocere la pallotta ottenuta dopo i risciacqui avvolta in un panno.
Il risultato è molto più compatto.

Nives ha detto...

Ciao a tutti, giungo qui dal blog di scriccia. Ho appena fatto il mio primo seitan seguendo le indicazioni di quel blog e devo dire che è facile, sto per cucinarlo avvolto nel panno! Complimenti a tippitappi, anche per i suopi gioielli!

Nives ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Nives ha detto...

Scusa, avevo posto male la domanda. Vorrei chiederti per quanti giorni si può conservare il seitan semplicemente bollito. Grazie!

tippitappi ha detto...

mm.. direi non più di 3 giorni, altrimenti diventa acidulo! ciao!!!

Anonimo ha detto...

ciao,io ho provato a farlo ma dopo un po' che è nella pentola divena enorme e fa delle bolle tipo una spugna allora ho pensato che fosse il fuoco troppo alto ma ho riprovato e mi ha fatto lo stesso errore...
lorenzo

tippitappi ha detto...

lorenzo: allora da ciò che mi dici deduco che forse la fiamma è troppo alta e/o il seitan non è pronto per la cottura. Quando tutto l'amido è stato sciacquato via, deve rimanere una cosa che sembra quasi chewing gum... meglio se non si spezza ma rimane abbastanza compatto. L'ffetto spugna è davvero strano, non mi è mai successo, non saprei come aiutarti. Posso solo dirti riprova cercando di capire dov'è l'errore!

Anonimo ha detto...

Io lavoro il seitan sotto l'acqua alternando tiepida e fredda,e mi viene sempre molto compatto.Ottengo ottimi risultati avvolgendo il seitan nella rete da arrosti, che potrete chiedere al vostro macellaio, oppure nel classico panno bianco di cotone, per intenderci quello per i polpettoni. Sto sperimentando ora un tipo di lavorazione prima della bollitura che mi permetta di "arrotolarlo" inserendo gli aromi...Salutoni

Anonimo ha detto...

P.S. Lo strizzo molto, lo lavoro sotto l'acqua come impastassi il pane..

Julyah ha detto...

Grazie ai tuoi consigli e alle tue foto ora è in pentola il mio primo seitan e sono così contenta e soddisfatta!!!

Paola ha detto...

Fantastico!!!! Grazie mille x la ricetta.

Anonimo ha detto...

Carissimi/e, sono Silvia. Anch'io ho prodotto il mio primo seitan in casa la scorsa sttimana. Ho trovato però la ricetta su "Cucina Naturale" a cui sono abbonata da anni.L'ho fatto con la farina di Kamut, perchè io e mio marito siamo intolleranti al grano: è venuto benissimo!!!W le autoproduzioni: oltre alla soddisfazione, anche il risparmio!! Buone cose a tutti/e
Silvia di Vigevano

Anonimo ha detto...

Carissimi/e, sono Silvia. Anch'io ho prodotto il mio primo seitan in casa la scorsa sttimana. ho trovato però la ricetta su "cucina Naturale" a cui sono abbonata da anni.L'ho fatto con la farina di Kamut, perchè io e mio marito siamo intolleranti al grano: è venuto benissimo!!!W le autoproduzioni: oltre alla soddisfazione, anche il risparmio!! buone cose a tutti/e
Silvia di Vigevano

Anonimo ha detto...

Air Jordan 11 Gamma Blue
That Dyeable Running shoes Retailer comes with a substantial selection of wedding party sneakers, coming from deal price classics to be able to stylish couture, and also several kinds of night sneakers illuminate in the lady that marches for the conquer of an various drummer. In addition, you will never wish to pass up their particular brand of "Coloriffics" relatively listed wedding event sneakers that will search divine, or perhaps his or her thorough bunch of wedding party purses. You will have a industry evening here, even when you aren't a wedding as soon as soon enough.

http://esjcoalition.org/images/home.asp

Related Posts with Thumbnails