venerdì 26 marzo 2010

Sono arrivati anche loro!!!


Forse un po' fuori luogo in un blog di cucina ma sono troppo belli per non essere visti da tutte le eco-ragazze che mi seguono!!! Cosa sono? Sono assorbenti lavabili!!! Non per bimbi ma per noi donne, che bellezza, non vedo l'ora di avere il ciclo per provarne uno!
Ieri, in realtà, ne ho portato uno solo per provare anche se non era il caso (il mio ragazzo mi ha beccata subito e mi ha detto allibito: "Ma che cavolo stai facendo???" Che ridere... )
Devo dire che l'ho trovato non solo comodo e morbidoso ma anche molto fermo al suo posto. Di più per adesso non posso dire. Al prossimo ciclo (tra un bel po' visto che l'ho appena avuto) vi farò sapere!


Ho acquistato 18 assorbenti:
assorbenti lavabili giorno
assorbenti lavabili giorno ultra assorbenti
assorbenti lavabili notte (più lunghi)
assorbenti lavabili salvaslip
In teoria questi dovrebbero essere sufficienti per un ciclo completo. Stiamo a vedere.

Li fa a mano una ragazza americana, si chiama Annie Rose e ha un negozietto su ETSY. COstano circa 6,30 euro l'uno, durano come minimo 5 anni e c'è un risparmio economico non solo ambientale. Si perchè alla fine, pensandoci bene fanno molto più schifo gli assorbenti usa e getta, perchè gettandoli non si volatilizzano ma si ammucchiano al resto dei rifiuti.... mentre questi si lavano e tornano come nuovi.

PS: La MoonCup è sicuramente la scelta più ecologica di tutte, ma almeno per adesso non mi va di provare. A presto ragazze!

giovedì 25 marzo 2010

Finalmente è arrivata!


Dalla Finlandia è arrivata la farina affumicata di Annie ed Heikki, di "Tofu for two" (avevamo organizzato un baratto...) il profumo è molto molto invitante, ve lo assicuro. Penso ci farò semplicemente delle pagnottine di segale da mangiare con crema di tofu all'erba cipollina e qualche ravanello colorato (oppure insieme a questa salsina di cipollotti sperimentata di recente) Si..., le farò non appena sarò guarita! Ho trascurato un banalissimo raffreddore e mi sono beccata una bella bronchite. La mia prima brochite, ....stupendo! Quando respiro o tossisco mi sembra di aver fumato una vita e invece non ho mai toccato una sigaretta...
Forse è la buonissima aria che ci respiriamo qui in Emilia?
Queste immagini non sono molto confortanti....
PS: Nella foto più sopra potete vedere anche due sacchettini bianchi di liquerizia finlandese salata (non è poi così male come pensavo, è comunque dolce con appena una punta di salato) e un sacchettino di segale normale, forse ha pensato non ci fosse proprio qui! Sono stati carinissimi e li ringrazio tanto!!!! Io ho spedito invece della farina di castagne e sono curiosa di vedere cosa ci faranno....

martedì 23 marzo 2010

E' primavera!


Implorando il bel tempo, approfittate dello sconto del 10% che offro su tutte le mie magliette! Quando siete al check out dovete scrivere "primavera" nello spazio Discount Code e in automatico vi verrà scontato il 10% sul prezzo del totale! WOW!!!
Correte! Molte taglie sono già esaurite!!!!

giovedì 18 marzo 2010

Terrina Multicolore


Ho preso spunto dalla bellissima foto ricetta di ErbaViola... e solo per l'idea di mescolare le verdure al pangrattato ne è valsa la pena... un'ora e mezza per la preparazione più il riposo in frigo!!!
La parte centrale bianca/verde è la più buona, e dire che è la parte con il cavolfiore! Eppure è decisamente più interessante della parte alle carote (in alto) e della parte con le lenticchie (marrone in basso).
Penso che userò questo ripieno di cavolfiore per fare un tortino.
Comunque se vi sentite coraggiose e volete cimentarvi in questa terrina con i tre patè ecco la mia ricetta rivisitata:

Ingredienti:
3 cipolle medio/piccole
3 spicchi d'aglio
un pezzetto di zenzero fresco della stessa quantità dell'aglio
1 cucchiaio di timo
250 gr di lenticchie cotte e scolate (il peso lo intendo a secco)
300 gr. di pane grattugiato
3 cucchiai scarsi di margarina vegetale non idrogenata (ma io la ometterei del tutto)
un filo di olio per il soffritto
1 cucchiaio di farina integrale

Metodo:
Tritare la cipolla, l'aglio, il timo e lo zenzero finissimi e fateli dorare a fiamma media per 5/6 min in poco olio. Aggiungete il pane grattugiato e mescolate bene. Dividete in tre parti e mettete da parte.
Frullare le lenticchie e un cucchiaio di margarina fino a ridurle a una purea. Se risultasse troppo liquido, non compatto, aggiungere un po’ di farina integrale. Aggiungere a un terzo di pangrattato. E' pronto il primo strato.

Cuocere mezzo cavolfiore tritato con le sue foglie verdi, scolarlo e frullarlo con un terzo di pangrattato e un cucchiaio di margarina. Fare la stessa cosa con 4/5 carote e aggiungere all'ultimo terzo di pangrattato.
Versare il tutto in una pirofila leggermente oliata con olio o margarina (ottima quella rettangolare comunemente usata per il plum-cake) e mettete in frigo. In un’ora è pronto.
Forse ho cambiato un po' troppo la ricetta, voi cosa dite? Il risultato non è male, ma mi aspettavo qualcosa di più...

mercoledì 17 marzo 2010


Perdonatemi, questa è la settimana della pigrizia! Ma domani ho in mente una ricetta speciale: una terrina multicolore bellissima! E poi sto lavorando insieme a Sauro di Promiseland.it per VeganWiz, la prima vegan community di ricette, in pratica la versione inglese di VeganBlog!

Per tutti i vegetariani e non: la Lav sarà in molte piazze italiane il 20 e il 21 marzo a sensibilizzare sul tema uova. Meglio una gallina libera o una gallina in gabbia? Quando acquistate uova (se le mangiate) mi raccomando abbiate cura di quardare il primo numero stampato sull'uovo. Il sito è divertentissimo...

0 = biologico (1 gallina per 10 metri quadrati su terreno all'aperto, con vegetazione)

1 = all'aperto (1 gallina per 2,5 metri quadrati su terreno all'aperto, con vegetazione)

2 = a terra (7 galline per 1 metro quadrato su terreno COPERTO di PAGLIA 0 SABBIA) - CAPANNONI PRIVI DI FINESTRE e luce sempre accesa!

3 = IN GABBIA (25 GALLINE PER METRO QUADRATO IN POSATOI CHE OFFRONO 15 CM . PER GALLINA) - UNA SCATOLA Di SCARPE PER TUTTA LA LORO VITA

Non comprate uova con codice 2 e 3 e neanche 1! Se proprio non riuscite a farne a meno scegliete le uova bio con codice O!

lunedì 15 marzo 2010


Campagne per animali, ideato da Vivere Vegan, raccolgono fondi per pubblicare sulle maggiori testate le loro bellissime campagne. Dona anche tu, anche una minima somma può bastare!
Visita il loro sito, ci sono un sacco di campagne carine che puoi stampare anche tu!
www.campagneperglianimali.org

martedì 9 marzo 2010

Tartufini Cacao e Cocco - Crudisti!


Queste palline sono deliziose e veloci da fare.
Sanno di cocco, cacao e frutta secca. Sono l'ideale spuntino sano di metà pomeriggio.

Ho frullato meglio che potevo con un normale robot da cucina questi:
Ingredienti
Una tazza di semi di girasole germogliati (sì! germogliano anche senza il "guscio"! Li avevo ammollati, scolati e messi in frigo. Poi me ne sono dimenticata e quando sono a andata a vedere convinta di doverli gettare mi sono accorta che avevano tutti dei germoglietti di mezzo centimetro. Erano vivi!)
Una tazza di albicocche secche (anche l'uvetta è buona ma meno dolce, secondo me)
5 datteri snocciolati
2 cucchiai di cacao
5 cucchiai di cocco
Le dosi ovviamente possono cambiare a seconda dei vostri gusti, l'importante è riuscire a formare delle palline con le mani e rotolarle nel cocco o nel cacao per renderle meno appicicose.
Lasciarle in frigo per un po' in modo che si rassodino!
A Tommaso sono piaciuti molto ieri a merenda, mentre a Ludovico no, penso fosse per via del cocco, un gusto nuovo per lui :)

Segui l'azione in diretta!

lunedì 8 marzo 2010

Insalata di Lenticchie Germogliate ed Erba Cipollosa


Secondo i principi del crudismo i semi germogliati e mangiati crudi sono una vera e propria esplosione di vitalità, enzimi, vitamine e sali minerali, molti di più del seme secco inattivo.
Le lenticchie sono molto comode da far germogliare e secondo me si prestano bene per le insalate.
Si lasciano in ammollo prima poi si sciacquano e si mettono a germogliare in un barattolo o nel germogliatore, avendo cura di non lasciarle seccare ma neanche di lasciare ristagni d'acqua. In tre giorni avrete delle belle lenticchie germogliate!
Ingredienti:
Lenticchie germogliate
Qualche foglia verde (io ho usato lo spinacio)
Daikon affettato a fiammifero con la grattugiata
Olio d'oliva
Shoyu (salsa di soia)

Poi dopo aver scattato la foto mi sono ricordata del mazzetto di erba cipollosa che ho trovato ieri in un campo. L'ho tritata e aggiunta all'insalata. Non so di quale Allium si tratti. Da vedere è simile all'erba cipollina ma più scura e di profumo e gusto più intenso. Cos'è? Qualcuno la conosce?
So che è della famiglia degli Allium per il caratteristico odore e non può essere velenosa, però mi piacerebbe sapere di cosa si tratta.
Nell'insalata ha fatto la sua figura, gli ha dato un buon profumo cipolloso. Ottima anche mescolata alla maionese!

venerdì 5 marzo 2010

Frullato Verde


Spacciato come il frullato verde dei mostri è stato molto apprezzato dai miei piccoli diavoli.
E assolutamente dolce e gli spinaci non si percepiscono.
Il colore verde è dato dalla clorofilla che ha una potente azione antiossidate per il nostro organismo.
Ricetta tratta dal libro "Solo Crudo" di Sara Cargnello e Stefano Momentè.

Ingredienti:
Un bicchiere di latte di mandorla
Mezza banana
3 datteri snocciolati
5 foglie di spinacio stagliuzzate senza il gambo

Metodo:
Frullare il tutto per almeno tre minuti, servire fresco.

Io ho usato un latte di mandorla dolcificato con zucchero d'uva, buonissimo!


Il piccolo Vico ha apprezzato molto!
:)

giovedì 4 marzo 2010

Proviamo???


Tranquille non ho l'intenzione di diventare crudista! però provare mi piacerebbe molto perchè le ricette e le foto di questo libro fanno veramente venire l'acquolina in bocca!
Frullati, centrifugati di frutta, crackers ai semi di lino, crackers alla pizzaiola, polpettine di zucchine e funghi da intingere in deliziose maionesi di avocado e anacardi, salsine fresche piccanti, biscottini di mela e uvetta, biscottini al cocco.... Tutto senza l'uso dei fornelli.
Evitando la cottura tutti i principi attivi, le vitamine e gli enzimi non vengono distrutti a tutto vantaggio del nostro benessere.
Servono un buon frullatore, un robot da cucina, e un essiccatoio. Ed è qui che ho un po' di difficoltà. L'essiccatoio non serve solo per essiccare frutta ma anche per fare le sfogliate di frutta, i biscottini, i crackers di semi e le polpette salate. E' fondamentale. Io per ora sto provando ad usare il forno ma mi sembra di capire che non va benissimo perchè oltre ai tempi lunghissimi, il risultato non mi sembra ottimo. Mi sa che dovrò sbilanciarmi con l'acquisto di un vero essiccatoio.
Solo Crudo
Il libro del Raw Food, la vera cucina naturale
Sara Cargnello e Stefano Momentè
prezzo 9,80 euro
Acquistabile su www.macroedizioni.it

mercoledì 3 marzo 2010

Una cosa verde


Idee eco-friendly da copiare o acquistare!
La cosa verde.
A me sono piaciuti molto questi tovaglioli di stoffa stampati a mano.
Da lavare e riutilizzare. Come una volta. Che poesia!
Lei si chiama Nina Glaser ed ha anche un blog.

martedì 2 marzo 2010

Patè di tofu alle Olive


Il tofu, ossia il n u l l a.
Se preso e mangiato così com'è in effetti non sa proprio di niente, non ha nè sale nè grassi per esaltarne il gusto. Basta saperlo cucinare e si rivela un ingrediente molto versatile :)
Questo è il mio patè preferito, piace a tutti, è saporito e gustoso.
In più è superveloce da prepare perchè è sufficiente frullare insieme questi ingredienti, versare in una ciotolina e mangiare insieme a gallette, grissini o pinzimonio di verdure croccanti:
250 gr. di tofu semplice
100 gr. di olive verdi snocciolate (o di più se piacciono)
5 cucchiai di lievito alimentare (gli da un buon gustino)
mezzo bicchiere di olio d'oliva extravergine
5 cucchiai di salsa di soya
Volendo anche qualche cappero non ci stà male.

Sto lavorando ad un nuovo sito web per le mie tshirt, al momento ne trovate alcune in nuovi colori ma il gufetto ancora non è pronto, sorry :)
Potete vederle qui:
http://tippitappi.bigcartel.com

lunedì 1 marzo 2010

Muffin al burro di Arachidi e Cioccolato


Piccola pausa al periodo "sugar-free" ... ho troppa voglia di un dolce vero! Oggi viene a trovarmi un'amica, le voglio offrire un dolce vegan liffo, ma liffo veramente!
Questi muffin sono fatti di farina integrale e zucchero scuro mascobado (il migliore perchè contiene anche molti minerali), burro di arachidi biologico e una glassa morbida sopra che li rende speciali. Il burro di arachidi mi è sempre sembrato un prodotto di scarsa qualità, non proprio salutare e per questo non l'ho mai comprato. Invece un giorno percaso ho voluto provare: quello della Rapunzel è tutta un'altra cosa, è buono, semplice. Sa di arachidi.
Questa ricetta l'ho tratta dal libro di Hannah Kaminsky, una vegan veramente sofisticata quando si parla di dolci. Questo è il suo blog.

Ingredienti e procedimento per 12 muffins:
160 ml. di latte di soya
1 cucchiaio di aceto di mele (o bianco)
150 gr. di zucchero scuro mascobado
2 cucchiai di semi di lino (ridotti in polvere con una macinino da caffè o con un frullatore per frullati)
mezzo barattolino di burro di arachidi
(125 gr.)
1 cucchiaino di vaniglia in polvere

Mettete il tutto in un robot e frullate bene in modo che si amalghimi tutto poi unite al resto degli ingredienti secchi:
200 gr. di farina integrale
mezza bustina di lievito per dolci (meglio il cremor tartaro)
1/2 cucchiaino di bicarbonato

un pizzico di sale
Mettete da parte la ciotola e accendete il forno a 180° gradi.
Poi preparate la liffissima glassa che andrà sopra ai vostri muffins: riprendete il robot senza rilavarlo e metteteci dentro:
l'altra metà del barattolo di burro d'arachidi (125 gr.)
4 cucchiai di cacao
5 cucchiai colmi di zucchero mascobado

un goccio di latte di soya per fluidificare

Frullate bene. Volendo un dolce ancora più liffo si può aumentare la quantità della glassa morbida...
Ora bisogna riempire gli stampini. Potete procedere in due modi: o riempire con un cucchiaio di impasto e poi sopra la glassa oppure fare impasto-glassa-impasto in modo da avere la glassa morbida al centro, magari fate un po' e un po' così vedete la differenza.
Cuocete per 25 minuti e quando sfornate aspettate altri 20 minuti prima di toglierli.
Come sono?

Burro di Arachidi della Rapunzel, delizioso anche sul pane con un po' di malto di riso...
Related Posts with Thumbnails